Atmosphere American Pub

In I Bar by Paolo VercellisLeave a Comment

Perchè una pinta di birra è un cibo da Re – William Shakespeare

Partiamo dal nome. Atmosphere American Pub quindi. E in effetti prima del nostro racconto da bar molti amici che passavano da via Eustachi mi dicevano “carino quel pub, ha delle buone birre, dovresti provarlo”. Io mi sono fidato, una sera ci sono andato, rigorosamente da solo come ogni volta che provo per la prima volta un posto. Mi sono messo sul mio sgabello al bancone, come ogni volta che provo per la prima volta un posto. E ho conosciuto Matteo e Michela Ciammella.
Già dal primo drink ho realizzato che forse avevo trovato il mio angolino: più american che pub. La vocazione di Matteo per i drink è marcata, immediata, conoscenza e cultura troppo ampie per ridurre il tutto al concetto di pub: Matteo è un gran bartender ma soprattutto un bartender con tante idee in testa. Educazione, simpatia e affabilità completano il quadro.

Vi capiterà, se seguirete i miei consigli, di sedervi sullo sgabello dell’Atmosphere e non sentire nemmeno il bisogno di ordinare qualcosa, vi capiterà di lasciar fare lo sporco lavoro della scelta a Matteo, certi che sarete soddisfatti.

Michela e Matteo ascoltano i gusti dei clienti

Nei giorni in cui vado a trovarlo, a metà settembre, l’Atmosphere o Atmo per gli amici presenta la nuova drinklist. Moltissimi i drink inventati da Matteo stesso in questi due anni e mezzo di locale, molti con base whisky, il suo distillato preferito, ma troviamo anche moltissimi gin nell’ampia bottigliera.

La sera in cui entro nel locale vengo accolto dalla solita genuina cortesia di Matteo e Michela, tempo di sedermi e Matteo mi sta già preparando un cavallo di battaglia di cui ho anche il video che pubblico con piacere.

Si tratta del Midnight Dream, un twist su un Manhattan se vogliamo o comunque un drink completamente nuovo che del Manhattan riprende la struttura distillato e vermouth ma lo cambia profondamente.

Troviamo una base rhum Jamaicano, 30 ml. Quindi in pari dose da 30 ml il Vermouth del Professore, leggermente vanigliato. 1,25 ml di Pimento Dram(liquore che tra gli ingredienti ha il pepe giamaicano), 1,25 ml di sciroppo di lampone preparato da Matteo, dash di Aphrodite, un bitter che ha tra gli ingredienti ginseng, zenzero, caffè e peperoncino. La coppetta viene spolverizzata con del cacao all’esterno e quindi si va al servizio.

Il Midnight Dream e la sua preparazione

Per quanto mi riguarda questo drink è da 10, avevo bevuto un Martinèz da Matteo ma questo cocktail base rhum lo batte nonostante io sia uno strenuo sostenitore del gin. C’è l’amaro, c’è il dolce, la parte fresca del lampone e un gusto generale tra vaniglia, caffè e cioccolato. Insomma c’è tutto ma non troppo, davvero un ottimo drink.

Mentre degusto questa meraviglia Matteo e Michela mi raccontano che all’Atmosphere si fa l’aperitivo dalle 18 alle 21 con taglierino di salumi rigorosamente servito ai tavolini interni così come quelli esterni.

I tavolini esterni dell’Atmosphere

Mi appresto alla degustazione del secondo drink ma intanto vedo passare un drink caldo! Che cosa sarà mai? E’ il Ginger Punch: Base rhum, miele d’arancio a dare dolcezza, succo di lime e zenzero pestato. D’inverno viene servito in tazza, caldo, mentre d’estate viene servito con ghiaccio.

Tutti i cocktail del locale sono identificabili sulla nuova lista ma anche su una pratica lavagnetta che domina l’ingresso e da cui si ha piena visibilità dei classici, dei twist e dei drink altrui o quelli più particolari.

La lavagnetta dell’Atmo, guardatela e rimiratela tanto poi vorrete tutto!

Come al solito mi faccio consigliare dall’ottimo Matteo e concludo l’esperienza con un twist sul whisky sour lasciando a voi il compito di scovare contrasti tra acido e distillato invecchiato, pubblico però la foto!

Un bellissimo e cremoso sour e si va a nanna

Insomma se siete in zona Porta Venezia/Città Studi vi consiglio questo simpatico locale a cavallo tra pub e American bar, i cocktail di Matteo vanno assaggiati tutti. A proposito, tiene molto anche alle sue birre: monobirrificio Orso Verde di Busto Arsizio, uno dei primi ad aver aperto in Italia, assaggiate la Rebelde!

Atmosphere American Pub
via Eustachi 15, Milano
Aperto tutti i giorni tranne la domenica e il lunedì, dalle 18.00 alle 2.00

Leave a Reply