Bancone Rookie Reggio Emilia

Rookie, ecco la Reggio Emilia da bere bene (anche da asporto)

In I Bar by Paolo VercellisLeave a Comment

Si riparte da Reggio Emilia

Il nostro viaggio fuori dalla realtà milanese in cui vi abbiamo raccontato ormai una settantina di locali è un viaggio che (ri)comincia volutamente dalle realtà italiane più piccole. Non sono voluto partire verso l’Italia da bere cominciando da Roma, da Torino, città del gusto e della miscelazione ormai consolidate.
Quello che mi interessa e che ci interessa in questo momento è raccontare un’altra Italia: quella dei tanti ragazzi e ragazze che si muovono dietro al bancone guidati da una passione fortissima per il lavoro più bello del mondo. Bartenders e Barladies che fanno i conti tutti i giorni con realtà locali in cui la cultura del drink ben fatto (e al giusto prezzo) non è ancora radicata e che grazie al loro lavoro sul territorio fanno conoscere la cultura del Bar alle persone. E le fanno innamorare.

Per seguirci nei nostri tour attraverso questo Paese del Bartending vi invitiamo a registrarvi alle prossime tappe attraverso la nostra pagina Facebook e il nostro canale Instagram.

Le mie prime serate sulla piazza di Reggio Emilia sono state serate calde ed estive. Parlo di piazza non a caso perchè la maggior parte dei locali di Reggio si trovano su piazza Fontanesi: un bello spazio centrale che sembra fatto apposta per bar e ristoranti. Un tempo era una piazza di spaccio e degrado, oggi invece ci sono affacci sui quattro lati e al centro una grande distesa in cui i bar possono piazzare sedie e gazebi e i clienti possono gustare i propri drink in piedi e rigorosamente in plastica.

Piazza Fontanesi

Piazza Fontanesi a Reggio Emilia, tutti i locali si concentrano qui

Nonostante mi avessero parlato molto bene dei locali emiliani, mi sono trovato un po’ spiazzato arrivando dalla mia seduta al bancone milanese. Qui pochi, direi pochissimi, siedono al bancone e i locali d’estate sono presi letteralmente d’assalto: un assalto fatto di gran gin tonic e vodka lemon.
Insomma le premesse non erano delle migliori. Poi per fortuna esplorando insieme a Jessica, autrice delle foto di questo servizio, il territorio, mi sono reso conto che i locali in cui bere bene ci sono eccome: avevo solo sbagliato il periodo.

Il Rookie, esordienti ma appassionati

Il Rookie – Teneri Vizi, Liquidi Piaceri è uno di questi. E’ un locale in cui si sta bene e in cui il pubblico di Reggio Emilia va volentieri proprio perchè è gestito da ragazzi appassionati che sanno raccontare il loro modo di far da mangiare e da bere: un Team in grado di conquistare la propria clientela attraverso passione e fidelizzazione.

Lo Staff del Rookie

Lo Staff del Rookie al completo

Primo fra tutti Marco Bonvicini, che qui al Rookie recita il ruolo di bartender, prima di tutto, Bar Manager, ma poi anche di Social Media Manager, di animatore, organizzatore di serate e ideatore di nuovi modi per coinvolgere il pubblico.

Il percorso di Marco è passato dalla scuola alberghiera in cui ha imparato a combinare tra loro i gusti in cucina. Poi, attraverso un viaggio di nove mesi in Spagna, la passione per il bancone è arrivata all’improvviso ed è stata approfondita in Inghilterra, negli Stati Uniti con i primi corsi e con il primo cocktail bar ad Albinea, vicino a Reggio Emilia.
Dopodichè, una volta sbarcato al Rookie, la crescita sulla miscelazione è stata esponenziale e anche lui sembra abbastanza incredulo del viaggio intrapreso fino a qui.

Marco Bonvicini, Rookie

Marco ci serve i primi drink della serata e ci racconta il Rookie

Ma c’è poco da essere increduli: il Rookie oggi è una bella realtà aperta da marzo 2017 con un nome corto e orecchiabile che voleva essere umile come umili erano i tre esordienti che lo hanno aperto: Marco, Nicolò e Andrea.

Fin da subito i piatti e i panini sono stati accompagnati da una bella proposta di miscelazione dedicata al bancone e ai tavoli esterni. In cucina Andrea Dal Pont compensa la giovane età con grande tecnica e fantasia come vediamo da alcune proposte che ci porta per rinforzare il nostro aperitivo: grissini con lardo e noci e un’incredibile burger con costine di maiale disossate e cotte a bassa temperatura da applausi.

Il Passepartout, una bella base gin per cominciare

Ma naturalmente prima di mangiare qualsiasi boccone voglio raccontarvi il primo drink che Marco Bonvicini ci prepara qui al Rookie e si comincia proprio dal Passepartout, un cocktail che ha accompagnato la storia personale di Marco e quella del locale.
Si parte da una bella e generosa base di Beefeater Gin per poi aggiungere succo di lime fresco e zucchero. Quindi il tutto viene shakerato con un ciuffetto di menta fresca e poi la superficie del drink viene spruzzata con dell’assenzio.

Passepartout, Rookie

La preparazione e il servizio del Passepartout, un drink super fresco a base gin

Il Passepartout (che dà anche il nome al profilo Instagram di Marco) è un ottimo ingresso nel mondo del Rookie. Si tratta di un drink fresco, adatto a tutti e facile da bere. Il classico gin sour viene arricchito dal profilo profumato della menta e dalle note dell’assenzio che a minuscole goccine riposa sulla superficie. Piacevolmente dolce, è un drink che sorprende per la sua semplicità e complessità allo stesso tempo. Il suo unico problema? I nostri tre sorsi di questo BarTour emiliano lo fanno finire subito, ne vorremmo altri otto!

Cocktail Delivery, la formula per bere (bene) a casa

Il Passepartout è solo uno dei tanti cocktail che da qualche settimana è possibile ordinare al Rookie con la formula “Cocktail Delivery” nella quale i drink arrivano direttamente nelle case reggiane.
Il locale garantisce una consegna in dieci minuti e un ghiaccio a prova di diluizione. La nota positiva, anzi positivissima, è che tutto questo avviene in bicchieri biodegradabili: l’attenzione all’ambiente anche nel mondo del Bar va sempre notata e premiata. 
Proprio mentre ne parliamo ecco arrivare un ordine dall’esterno: Marco prepara rapidamente i quattro drink che escono con la stessa qualità di quelli bevuti al bancone e li ripone in una pratica vaschetta antiurto. Arriva il corriere e si parte, tutto ciò mentre registriamo il nostro video!

Marco mi racconta che d’inverno a Reggio Emilia la clientela tende ad uscire poco volentieri e non sfrutta piazza Fontanesi come d’estate. Le persone restano nelle loro case, da qui è nata l’idea di andare incontro a quel pubblico con una proposta innovativa per la città, idea da subito piaciuta!

Uragano o Hurricane? Ai Reggiani l’ardua sentenza

Uno dei più richiesti è l’Hurricane, un grande classico a base rum in una rivisitazione del Rookie. Per Marco questo cocktail è stato una sfida personale nei confronti di un drink molto bevuto qui a Reggio Emilia: L’Uragano
Questa versione viene preparata da 25 anni da un famoso locale della città che lo esegue in velocità e con grande attenzione a tenerne basso il prezzo finale. 
Marco qui al Rookie cerca di far capire alla sua clientela che L’Uragano non è l’Hurricane e che il grande classico originale e attualizzato e più buono!
All’interno di questo drink in stile tiki troviamo Myers Rum dalla Giamaica, succo di lime fresco, maracuja fresca e un tocco personale di Nephew Rum (un rum molto profondo e vegetale) e Angostura Bitter.
L’estrazione del succo di maracuja avviene rigorosamente in casa così come altri homemade del Rookie tra cui lo sciroppo di lavanda, quello di Lambrusco e lo shrub di zenzero.

Hurricane, Rookie

Hurricane is not Uragano!
Un drink dissetante, estivo ma non troppo

Questo è decisamente il drink che mi è piaciuto di più nel corso della nostra serata al Rookie. Le acidità del lime e della maracuja giocano alla perfezione con i due tipi di rum e regalano sorsi dolci/acidi piacevoli. 
La qualità della maracuja si sente tutta ma nello stesso tempo mi piace che l’Hurricane non sia “un dolcione” alla frutta: qui il rum c’è e si sente tutto.

Insieme a questo drink arriva al bancone anche l’aperitivo che qui al Rookie è essenziale (grissini con mortadella, patatine, noccioline) ma può essere decisamente rinforzato grazie agli ottimi piatti, piattini e panini preparati da Andrea in cucina.

L'aperitivo del Rookie

L’aperitivo del Rookie: di qualità ma essenziale. Come piace a noi.

Nel frattempo il resto della clientela che invece si accomoda al bancone o ai tavoli esterni è di tutti i tipi. Va dai 18 ai 70 anni, popola il locale principalmente di venerdì e di sabato ma non disdegna altre serate e spesso sceglie i drink dalla lista in cui sono presenti una dozzina di drink.

Mi piace il fatto che qui Marco e il Team accolgano tutti con lo stesso entusiasmo e con la stessa cortesia: non si fanno preferenze e ognuno sembra molto felice di tornare ed essere chiamato per nome. 

Rookie Reggio Emilia

All’esterno del locale troviamo persone di tutte le età

Al punto che alcuni drink, come il prossimo che stiamo per assaggiare, sono dei veri e propri tributi alla clientela.

Il Conte Versace, piccantino e torbato

E’ il caso del Conte Versace, dedicato ad un cliente che beveva spesso Negroni e che voleva provare qualcosa di insolito

Così, in una serata particolarmente impegnativa, è nato questo drink che al Rookie propongono in abbinamento con una Tartare di Fassona. Al suo interno troviamo del rum infuso (pesantemente) con del jalapeno, shrub di zenzero, succo di lime fresco, una generosa dose di Bourbon e spray di Laphroaig bello torbato per profumare.

Conte Versace, Rookie

Il Conte Versace sembra innocente e carino, in realtà si insinua e provoca!

Il Conte Versace è molto buono ma anche molto piccante, va detto. Su questo tipo di drink ci sono diversi partiti: c’è chi utilizzando il peperoncino come ingrediente resta “basso” e dà solo un’idea di piccante e c’è chi invece, come in questo caso, ci va giù pesante. Fatta questa premessa dopo la prima botta iniziale di piccante si sente tutta la piacevole mielosità del Bourbon e la freschezzza di lime e zenzero mentre a mio parere arrivano poco rum e torba ma forse proprio perchè la forza del jalapeno tende a coprirli un po’. 

Mentre sorseggiamo il Conte Versace (la leggenda vuole che il cliente in questione ne ordinò otto in un’unica serata), chiedo a Marco quale sia il suo distillato preferito da bere e da utilizzare in miscelazione e mi risponde senza dubbi di sorta: “Il Mezcal!”.
Non può che trovarmi d’accordo su questa scelta e così brindiamo al Messico con l’ultimo drink di questa serata: il Bienvenido.

Bienvenido, un po’ di Messico a Reggio Emilia

Al suo interno troviamo una bella dose di tequila, Italicus Rosolio al Bergamotto, succo fresco di lime e un bitter all’oliva.

Bienvenido, Rookie

Il Bienvenido, una bella variante di un Margarita dal carattere vegetale

Questa variante sul Margarita stupisce per la sua freschezza vegetale. Il bitter all’oliva esalta il gusto di pianta tipico del Tequila e ricorda per certi versi alcuni rum agricòle dal carattere “spigoloso”. Il Rosolio al Bergamotto completa e addolcisce la bevuta mentre il sale contrasta il tutto: un drink da ordinare di nuovo.

Ma c’è come sempre un ma. E’ finito il tempo e abbiamo occupato il bancone del Rookie per ore! 
Concludo l’intervista e sono molto felice, un po’ per la quantità di drink ingeriti, un po’ perchè mi piace molto come locali di questo tipo amino raccontarsi e parlino di realtà più piccole rispetto a Milano ma non per questo meno importanti.

Reggio Emilia è un’ottima piazza che fa parlare di sè da tempo con almeno tre locali di ottimo livello (in cui vi porteremo per altro, iscrivetevi ai nostri BarTour) e il Rookie è sicuramente uno di questi. 
Marco Bonvicini è un perfetto padrone di casa insieme a tutto il Team che fin dall’estate mi ha accolto con sorrisi, grandi classici della miscelazione, drink di casa e con “i whisketti della settimana“.
Questo è un Bar, così come lo intendo io e lo intendiamo su DrinkUrWay: che tu sia da solo o in compagnia l’interazione con i bartender è garantita e piacevole e rompe idealmente la Bar che li divide dai clienti. State attenti: si sentirà parlare di questo Rookie!

Rookie | Teneri Vizi – Liquidi Piaceri
piazza Fontanesi 1/F, Reggio Emilia
aperto dal martedì al sabato dalle 18.30 alle 2.00

Leave a Reply